Il Canada contro il movimento BDS

I legislatori nella provincia più abitata del Canada stanno votando un disegno di legge per mettere il BDS nella lista nera. Tim Hudak, facente parte dell’ala destra all’opposizione dell’Assemblea legislativa dell'Ontario, la destra progressista, ha detto che la legge è un “atto di protesta contro l'antisemitismo in Ontario” e che l’obiettivo dei sostenitori della campagna per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni è quello di "sponsorizzare la delegittimazione dello Stato di Israele, nonché favorire odio e animosità contro le persone di fede ebraica che  lo sostengono".

Lo scorso anno Canada e Israele firmarono una serie di accordi di cooperazione , fra cui l’impegno di lavorare congiuntamente per contrastare la continua crescita del BDS. Il 22 gennaio dello scorso anno, il ministro canadese della sicurezza pubblica Steven Blaney ha tenuto un discorso all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, convocata dopo gli attacchi di Parigi, definendo “antisemita” il movimento BDS.

Tutto questo è avvenuto fra le accese proteste dei responsabili del BDS che ancora una volta hanno paragonato lo Stato d’Israele al Sudafrica all’epoca dell’apartheid. Un paragone sciocco e lontano da ogni fondatezza. La democrazia che per fortuna c’è in Israele lo sta a dimostrare.

SOCIAL


Notice: Undefined index: template in /web/htdocs/www.osservatoriosolomon.it/home/wp-content/plugins/cherry-plugin/advanced/widgets/social_networks.php on line 40